Clicca qui per Prenotare il tuo Consulto


Compila il Form senza impegno per avere maggiori informazioni

Riceverai anche un'esclusiva Offerta da NON perdere

captcha codice
Ho letto l'informativa sulla privacy e accetto il trattamento dei dati personali.

Depressione: la Frutta riesce a guarirla

20/05/2018 18:00

La Depressione si può curare con la frutta. Mangiare due o più porzioni di frutta al giorno, infatti, riduce non solo la frequenza ma anche l'incidenza della depressione nelle donne di mezza età. Anche in presenza di fattori influenti come fumo, consumo d'alcol e abitudini scorrette. A dirlo è uno studio longitudinale australiano effettuato su Donne di mezza età dall’Università del Queensland.

Già da molti anni la scienza si mostra particolarmente interessata a studiare l'associazione tra dieta, depressione e disturbi dell'umore, cercando di individuare nel dettaglio quegli elementi del cibo e quei comportamenti alimentari che sono in grado di incidere, o addirittura causare, la depressione.

Ma partiamo dall’inizio.

Come molti già sapranno, la depressione è una malattia che colpisce in prevalenza le donne, in maniera doppia rispetto agli uomini. Solo negli Stati Uniti, dove risulta particolarmente diffusa, colpisce ben 19 milioni tra ragazzi e adulti. Si tratta di un numero enorme, che risulta in rapida crescita; tanto che, entro il 2030, si pensa che la depressione sarà tra le prime tre malattie del mondo. 

Ancora oggi sono incerte le cause esatte di tale impennata, ma sicuramente l'alimentazione e i fattori ambientali hanno un larga responsabilità. Le eccessive aspettative, le condizioni sociali ed economiche e il tasso elevato di stress che hanno raggiunto le società occidentali più ricche sono alla base di sempre più frequenti stati psichici stressati.

Tensioni, frustrazioni e stress in genere, infatti, attaccano alcuni neurotrasmettitori come serotonina, noradrenalina, dopamina, che contribuiscono a regolare il tono dell’umore, mantenendolo cioè alto oppure causando quella sensazione di infelicità ed ansia tipica dei disturbi depressivi. 

In questo scenario, l'alimentazione può giovare o al contrario aggravare questi squilibri. Inoltre, ai fattori ambientali, in alcuni casi vanno aggiunte anche altre cause genetiche, biologiche e psicologiche.

Trascinato da evidenze già emerse in precedenza, lo studio australiano si è focalizzato sul consumo di frutta e verdura, considerati dei cibi importanti per lo stato di salute della persona. L'idea di puntare sulle donne di mezza età, invece, è chiaramente determinato dalla maggiore incidenza che la depressione ha su questo particolare campione. 

Lo studio  è stato condotto su un totale di 6271 donne con un'età media di 55,45 anni, che sono state seguite per un periodo di 6 anni e indagate in base ad una scala di valori attribuibili appunto allo stato depressivo. 

6 anni sono stati ritenuti un tempo sufficiente per poter far sì che il consumo abituale di frutta avesse un chiaro impatto sull’organismo del campione analizzato. 

La ricerca ha dato dei risultati piuttosto chiari: il 14-18% delle donne che avevano manifestato depressione ai  primi rilevamenti (381) e che avevano iniziato a consumare almeno due regolari porzioni di frutta al giorno aveva ridotto i propri sintomi nel corso dei sei anni, sia dal punto di vista dell'incidenza che della frequenza. 

E vi è un dato ancora più interessante: l’efficacia del consumo di frutta regolare era indipendente da abitudini come fumo, sedentarietà, indice di massa corporea, livello di educazione, consumo di pesce (notoriamente positivo per l'umore grazie all'Omega 3), tutti elementi anch’essi noti per l’influsso sugli stati umorali. Dato, questo, che dimostra ulteriormente la validità dei risultati ottenuti. 

Diversamente è accaduto per il consumo di verdura, per la quale non sono state rilevati effetti così importanti. Un dato, questo, che ha spinto gli esperti a richiedere ulteriori studi visto che, in passato, altre ricerche avevano evidenziato un riscontro differente, come quella canadese del 2013 che ha coinvolto all’incirca diecimila persone e che avrebbe dimostrato invece che la sinergia combinata di frutta e verdura è in grado di ridurre l’insorgenza di malattie e disturbi depressivi sino al 27 percento. 


Perché la frutta è così potente contro la depressione? Anche più della verdura?

Perché contiene livelli più elevati di anti-infiammatori  e antiossidanti, come il  resveratrolo,  che  non  si trova nei vegetali, carotenoidi e flavonoidi, che possono ridurre gli effetti dannosi dello stress ossidativo sul sistema nervoso centrale. Importante nella regolazione dell’umore è anche la vitamina B12, come l’acido folico, coinvolta anch’essa nella regolazione del metabolismo dell’omocisteina, un amminoacido sottoprodotto della digestione delle proteine, che è stata associata a un aumentato rischio di depressione e di malattie degenerative come il morbo di Alzheimer.


Warning: mysql_fetch_array() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /web/htdocs/www.mygenetique.it/home/news.php on line 0

Live

Vuoi spostare il tuo appuntamento? Hai una info veloce da chiederci? Inviaci subito un messaggio WhatsApp al 3470535922!

Hai un'esperienza di bellezza da raccontarci? O vuoi segnalarci un argomento da approfondire? Scrivici adesso a info@mygenetique.it!

Vuoi rimanere sempre aggiornato sulle nostre news, offerte e iniziative? Clicca sull'iconcina per seguirci sulla nostra Pagina Facebook!

Video


Warning: mysql_fetch_array() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /web/htdocs/www.mygenetique.it/home/footer.php on line 0